MDPHARMA_banner
Diagnostica Tecnologie di supporto

ECHOS: il primo dispositivo medico senza radiazioni per la diagnosi precoce dell’osteoporosi

wavatar
Scritto da Davide Ronchi

Un rivoluzionario densitometro osseo non invasivo per la diagnosi precoce di Osteoporosi, dispositivo di piccole dimensioni, facilmente maneggiabile e trasportabile: la proposta dell’azienda leccese EchoLight.

La densiometria

Anche chiamata MOC (mineralometria ossea computerizzata), la densiometria, è una tecnica diagnostica che serve a produrre immagini dell’osso e calcolarne la densità del calcio. Il metodo si basa sul calcolo della massa minerale media di un osso misurando la diversa intensità con cui vengono arrestati i fotoni emessi da un isotopo radioattivo. Si avvale di due principali tecnologie: la densitometria fotonica computerizzata (MOC SPA) oppure a doppio raggio fotonico ( MOC DPA), e la tecnologia DEXA (acronimo di Dual-Energy X-ray Absorptiometry). Attualmente il metodo a cui si ricorre più frequentemente è la MOC-DEXA, la quale può essere eseguita a livello dell’avambraccio, della colonna vertebrale lombare, del femore o dell’intero scheletro.

La nuova densiometria introdotta da Echolight

Questa nuova tecnologia è basata sulla tecnologia REMS : viene misurata in riflessione l’attenuazione dei segnali ultrasonici “grezzi” che si propagano nel distretto osseo considerato in conseguenza di una scansione ecografica; l’attenuazione dei segnali determina delle modifiche dello spettro che, confrontate con i modelli di riferimento, consentono di ricavare la BMD (Bone Mineral Density), ovvero la quantità di minerali per unità di volume di osso. Da questo valore si ricavano due indici: i valori di T-score e Z-score.

Il T-Score è la differenza tra il valore di BMD registrato e il valore di riferimento nella popolazione sana nel periodo della vita in cui la massa ossea raggiunge il massimo di crescita e lo scheletro è più resistente e ricco d’osso. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, negli adulti se il T-score è compreso tra +1 e -1 la densità ossea è normale, se è minore di -1 si è in presenza di osteopenia (modesta perdita di minerali, ma campanello di allarme di un possibile futuro peggioramento in osteoporosi) e se è inferiore a -2,5 di osteoporosi.

Lo Z-score, invece, indica di quanto il valore in esame si differenzia da quello di una popolazione sana di riferimento composta da soggetti dello stesso sesso e della stessa età del soggetto in esame

L’efficacia dell’approccio REMS è stata testata nel corso degli ultimi 5 anni su circa 8.000 pazienti, distribuiti in 39 studi clinici. I risultati complessivamente ottenuti sono stati soddisfacenti, in quanto tramite la tecnica REMS è stato possibile identificare correttamente i pazienti osteoporotici sia attraverso indagini sulle vertebre lombari (sensibilità = 83% e specificità = 86%) che sul collo del femore (sensibilità = 86% e specificità = 91%)

Come il software EchoSound, installato su EchoS, affianca questa nuova tecnologia?

EchoSound affianca all’innovativa tecnologia REMS un brillante algoritmo di elaborazione di immagini. In seguito all’acquisizione delle immagini bidimensionali e il corrispondente segnale a radiofrequenza grezzo, durante la quale l’algoritmo riconosce in modo automatico le interfacce ossee e calcola le ROI (Region Of Interest), inizia l’elaborazione automatica dei dati, che permette di identificare automaticamente i volumi ossei, scartando le acquisizioni errate e gli artefatti. Viene così assicurato che le valutazioni diagnostiche vengano effettuate solo su immagini e segnali di elevata qualità, aumentando quindi la precisione e l’accuratezza di tale misurazione. Vengono generati così i parametri diagnostici e il relativo referto diagnostico.

I punti di forza di EchoS

  • Assistenza del clinico in modo totalmente automatico.
  • Referto immediato.
  • E’ un’indagine veloce e che può essere ripetuta frequentemente al fine di controllare in maniera ravvicinata i cambiamenti corporei.
  • Grazie ad un accordo di licenza, include nell’interfaccia utente il software FRAX® integrato, dando la possibilità al medico di compilare il questionario di anamnesi e calcolare il rischio di frattura a 10 anni, generico e all’anca, in modo semplice e pratico, rendendo il nostro dispositivo la soluzione più completa ed affidabile di densitometria ossea per la diagnosi precoce dell’osteoporosi disponibile.
  • Il referto medico include inoltre un nuovo parametro numerico – Fragility Score, in fase di implementazione – che fornisce una stima indipendente della fragilità ossea e il rischio di frattura ottenuta da analisi dedicate di tipo statistico e spettrale.
  • La facilità di maneggevolezza e trasporto.

Echolight è in continua espansione e sta diventando sempre più importante nel panorama mondiale della diagnosi e cura di osteoporosi, con l’obiettivo di rendere la diagnosi dell’osteoporosi finalmente una procedura in cura primaria, eliminando l’influenza dell’esperienza e della manualità dell’operatore dal calcolo degli indici utili alla diagnosi. Una volta che l’acquisizione dei dati è completa, non ci sono ulteriori fonti di errore che possono influenzare la ripetibilità della misura. Echolight così pone, e ha già in parte posto, le basi per una diagnosi di osteoporosi di carattere esclusivamente ambulatoriale.

Fonti e approfondimenti
MDPHARMA_banner

Informazioni autore

wavatar

Davide Ronchi

Laureando in ingegneria Biomedica con la voglia di scoprire e di studiare nuovi strumenti di diagnostica.

Registrati alla nostra newsletter

Nota bene: Iscrivendoti alla newsletter, accetti la Politica sulla Privacy del portale IngegneriaBiomedica.org.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.